i

Cucine in stile industriale

Funzionalità e design: un matrimonio di acciaio inossidabile.

Non fatevi trarre in inganno dal nome: una cucina industrial è ciò che di più lontano possiate immagine dal concetto di anonimato e standardizzazione: se concepita nel modo giusto è invece uno spazio elegante, di alta tecnologia e decisamente funzionale, perché coniuga alcune caratteristiche delle cucine professionali con tocchi personalizzati. Questa tendenza sembra non tramontare mai, visto che è ancora una delle prime opzioni fin dagli anni ’70, quando dagli Stati Uniti sbarcò in Europa.  

L’ispirazione arrivava direttamente dai vecchi magazzini utilizzati per il prodotto industriale o per lo stoccaggio dei materiali e oggi è spesso la scelta sia per ristoranti alla moda sia per abitazioni private, a patto che dispongano di spazi ampi.  Ma quali sono le componenti imprescindibili per una cucina industrial? Pareti con mattoni a vista e superfici di legno risanato, ventilazione e illuminazione in acciaio o rame, elementi di cemento e grandi finestre sono solo alcuni di questi. L’importante è ottenere un’atmosfera urbana ma allo stesso tempo calda e accogliente.

  1. Pareti e pavimenti

Il look industriale precede vasto uso di  cemento e mattoni a vista, che aggiungono un po’ di calore in uno spazio che è prevalentemente abitato dal metallo. È possibile però variare la palette colori con grande libertà, sempre stando attenti a bilanciare i toni: la scelta di colori neutri permette di addolcire l’ambiente e renderlo più elegante, mentre tinte più accese, come nero, azzurro e ruggine danno un’ulteriore spinta in termini di originalità e carattere. Il pavimento deve dare una sensazione di solidità e resistenza: potete scegliere tra grandi listoni in legno per andare verso uno stile più rustico, o ancora il cemento grezzo per enfatizzare ancora di più l’effetto metropolitano. Una tendenza recente è l’inserimento di superfici a lavagna direttamente a parete: pratiche e allo stesso tempo divertenti.

2. Grandi contrasti nei materiali

È la fusione di materiali diversi a rendere una cucina esplicitamente industriale. Protagonista deve essere il metallo. Dunque scaffalature, armadi e piani cottura, ma anche cappe e - perché no -  sgabelli o sedute in metallo, dall’acciaio inox alla ghisa. La nuova Black Steel collection di KitchenAid è un'alternativa più elegante al modello tradizionale.  naturalezza del legno, che regala subito calore a tutto l’ambiente. Un grande piano in legno massiccio, sia per il banco di lavoro che per il tavolo, è sicuramente la scelta giusta. Legni come il ciliegio o il noce, dialogano bene in una cucina industriale e il colore diventa più profondo con il passare degli anni.

3. Tutto a vista

Un elemento distintivo delle cucine industriali è avere stoviglie, utensili e diverse attrezzature a vista. Se si dispone di spazio infatti, utilizzare scaffalature aperte è un ottimo modo per arredare la cucina che altrimenti potrebbe risultare troppo asettica. Deve essere tutto facile da raggiungere nella cucina industrial e soprattutto deve regnare l’ordine: barattoli con sale, zucchero e pasta, oppure spezie, caffè e the, senza dimenticare una barra inox per appendere pentole e tutti gli utensili necessari per cucinare. Naturalmente, non possono mancare i classici rubinetti usati nei migliori ristoranti di tutto il mondo.

 4. Illuminazione vecchia maniera

Rigorosamente a sospensione, prevalentemente molto grande. La scelta illuminotecnica per le cucine industrial è dettata prima di tutto dall’ampio spazio, ma anche dallo stile che si vuol ricreare. La scelta quindi può alternarsi tra grandi lampadari metallici oppure l’uso delle lampadine tradizionali Edison tenute a vista che forse rappresentano oggi la giusta via di mezzo tra i vecchi capannoni e l’ambiente residenziale.

5. Grandi elettrodomestici professionali

Uno dei vantaggi della cucina stile industrial è permette di ottenere un ambiente accogliente e di stile utilizzando componenti presi in prestito dal mondo professionale: frigoriferi a doppia porta, colonne forno e altri piccoli e grandi elettrodomestici specifici che permettono di migliorare le vostre performance in cucina. È il caso di KitchenAid Chef Touch, un sistema che combina tre diversi componenti professionali (abbattitore, macchina per il sottovuoto e forno a vapore) per performance degne di un ristorante. Un’area di lavoro grande permette di affiancare al piano cottura anche un sistema avanzato come Chef Sign, che permette di effettuare fino a 5 diversi metodi di cottura con precisione e sicurezza.

Articoli correlati

Lista dei desideri

Per poter aggiungere prodotti alla lista dei desideri devi essere registrato.

Accedi al tuo profilo

Prego confrontare un altro prodotto

Confronta

Confronta prodotti

Non puoi comparare più di 3 prodotti. Per favore rimuovi un prodotto prima di aggiungerne un altro.